Le prime menzogne sui Lager tedeschi !

 

 

 

 

Le PRIME  menzogne OLO- propagandistiche su Auschwitz 02-02-1945

 

Il 2 febbraio la Pravda pubblicò un articolo del suo corrispondente Boris Poljevoi

intitolato «Il complesso della morte ad Auschwitz», nel quale, tra l’altro, si legge quanto

segue:

«Essi [i Tedeschi] spianarono la collina delle cosiddette “vecchie” fosse nella parte

Orientale , fecero saltare e distrussero le tracce del nastro trasportatore elettrico

(eljektrokonvjeijera) dove erano stati uccisi centinaia di detenuti alla volta con la

corrente elettrica (eljektriceskim tokom); i cadaveri venivano messi su un nastro

trasportatore che si muoveva lentamente e scorreva fino a un forno a pozzo

(sciachtnuju pje ), dove i cadaveri bruciavano completamente»

 

Questo il PRIMO resoconto  in assoluto da Auschwitz: si pensa preso sul “campo”,quindi di prima mano !

 

Perche ,oggi , nessuno  parla più del  nastro trasportatore e del  forno  a pozzo ?

 

 

Un altro “testimone “ il 27 settembre 1945  ex detenuto di Auschwitz, tale Lieberman,  dichiarò quanto segue:

 

«Come ho già detto, appartenevo al gruppo di lavoro che aveva il compito di

scaricare le patate alla stazione…. Gli uomini e le donne entravano

nella cosiddetta sala da bagno e si spogliavano separatamente, per evitare il panico.

Una volta spogliati, essi entravano da porte separate nella camera a gas centrale.

Questa camera poteva contenere ””3.000””” persone….

…..Certi giorni, quando alla stazione di Birkenau arrivarono trasporti

enormi, furono gasate 42.000 persone– (!)

 

Questa dichiarazione è del Settembre 1945 !

3000 persone gasate per volta e 42.000 al giorno !

 

Perche queste “testimonianze “ non vengono più “raccontate” !

 

Delle 2 una:

1)      Mentivano allora

2)      Mentono oggi

 

Più realisticamente….hanno  SEMPRE mentito!

Imbrogliare i Goym non è “peccato”!

 

 

Le prime menzogne sui Lager tedeschi !ultima modifica: 2008-09-12T11:49:18+00:00da erwinthule
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento