Essere(ebreo) o non essere(ebreo) questo è il problema!

                              

 

      

maiali_ebrei_tatuaggio_tatoo.jpg

 

“Non posso che perdonare, ma è stato uno scivolone”

 Claudia De Benedetti, figlia di Camillo, definito “non ebreo” dall’ebreo AMOS LUZZATTO!
 

La notizia (un pò datata,ma visto l’eternità del “tema”)  è sempre attuale ,(nd Erwin):

MILANO – Il Consiglio dell´Unione delle comunità ebraiche che si riunisce domenica a Milano ha di fronte le annunciate dimissioni di Amos Luzzatto. Il Consiglio si appresta a respingerle. Ma gli strascichi polemici seguiti all´intervista nella quale definiva, per ” ERRORE “, il finanziere Camillo De Benedetti «non ebreo», non sembrano essere del tutto superati.

Come si spiega il suo curioso lapsus? Come lo interpreta la famiglia De Benedetti (il figlio Mario, membro del collegio dei probiviri dell´Unione, si è dimesso «per difendere l´orgoglio di essere ebreo del padre»). E quali conseguenze avrà all´interno della Comunità? Lo abbiamo chiesto a Claudia De Benedetti, sorella di Mario e consigliera dell´Unione.
Anche lei esprimerà, alla fine, la sua fiducia a Luzzatto?

«Domenica non sarò a Milano. La vicenda mi ha molto colpita, non posso nasconderlo. Ho ricevuto le scuse di Luzzatto sulla segreteria telefonica di casa, domenica scorsa, poi non l´ho sentito più. Mio fratello aspetta ancora una lettera di chiarimento, speriamo che arrivi. Il suo è stato uno scivolone.

Un errore dovuto probabilmente all´età (poverino il vecchio ebreo !,ndE), alla stanchezza o distrazione.
 Quindi se fossi presente a Milano gli confermerei certamente la mia fiducia. So che verrà proposto un ordine del giorno in questo senso, che esprimerà anche solidarietà alla famiglia De Benedetti».

Suo padre, Camillo De Benedetti, era ebreo al cento per cento?

«Ho dichiarato che da 25 generazioni noi siamo ebrei. Probabilmente mi sono sbagliata. Siamo ebrei da molto prima, dal 1200».

Tutti i De Benedetti sono ebrei?

«Secondo la tradizione ebraica solo chi è figlio di madre ebrea è ebreo. Mio padre, figlio di Carla Mortara, era EBREISSIMO(!).

 I fratelli Franco e Carlo De Benedetti, che appartengono allo stesso ceppo familiare, invece, figli di madre non ebrea, non sono ebrei.
 Anche se molto legati alla tradizione ebraica.

Figlio di madre non ebrea, quindi non ebreo, è anche il professor Paolo De Benedetti, docente di ebraismo all´Università Cattolica di Milano, persona molto nota, ottimo professore».

Forse pensava a loro Amos Luzzatto quando ha definito «non ebreo» Camillo De Benedetti.
«È probabile».
Tutto perdonato, allora?
«Non posso fare altro che perdonare. Prima di tutto l´età( e dai con questa età! ndE).

 La Repubblica, 16/09/2005

Nota mia(E):

-mi sembra di ravvisare un reato di “praticato razzismo”!
-In fondo cosa significa essere o meno ebreo?
-E’ una questione religiosa o RAZZIALE?
-Ma…non erano LORO che affermavano la NON esistenza delle RAZZE umane?
-Quindi sarebbe una questione solo religiosa!
-Allora che cazzo centra l’utero della madre?
-La religione non è figlia dell’utero,ma dell’ignoranza!
-Se non è questione religiosa…vuol dire che ne danno una valutazione di appartenenza,di SANGUE !?
-Oh che bel ritorno alle RAZZE!

Essere(ebreo) o non essere(ebreo) questo è il problema!ultima modifica: 2008-12-22T17:44:34+00:00da erwinthule
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento