L’olocausto è il nuovo OPPIO dei popoli

 

L’olocausto è il nuovo OPPIO dei popoli

Terracina.JPG

L’ ebreo terracina fischiato ed insultato

 

 

Il signore anziano con occhiali e berrettino blu che si vede in primo piano è Piero Terracina, ebreo, sopravvissuto ad Auschwitz, dove ha perso tutta la famiglia.

È stato fischiato e contestato e insultato, in quanto “invasore della Palestina”. Non aggiungo commenti: mi auguro che non ne servano. PER NESSUNO.

Da : http://liberaliperisraele.ilcannocchiale.it/

Da: http://liberaliperisraele.ilcannocchiale.it/?TAG=Piero%20Terracina

 

(ANSA) – ROMA, 25 APR 2008 – Piero e Alberto Terracina sono stati fischiati da alcune persone mentre sfilavano nel corteo per il 25 aprile a Roma. I due fratelli erano con altri sopravvissuti dei lager dietro le bandiere con la stella di Davide e lo striscione della brigata ebrea partigiana. Alcuni giovani hanno urlato ‘siete gli invasori della Palestina vergognatevi’.

memoria.jpg

Erwin:

 

Non si capisce dove stia il problema!

Il “titolo” di sopravvissuto di Auschwitz non è un preservativo universale.

Poteva partecipare senza quello “ bandiera” intrisa di sangue, ne avrebbe ottenuto una “figura” più pulita.

In quella bandiera si identifica:

CHI ha rubato la Terra ai Palestinesi,

CHI ha costruito una Entità RAZZISTA basata sul sangue ,

CHI ha progettato e realizzato la SOLUZIONE FINALE tramite DEPORTAZIONE ,ATTENTATI TERRORISTICI, OMICIDI MIRATI, STRAGI del Popolo Palestinese,

CHI ha costruito GHETTI per i non ebrei,

CHI pratica ,oggi, un sistema di SEGREGAZIONE in LAGER di 1.500.000 persone (Gaza)

Evidentemente l’ebreo terracina si identifica con la bandiera dell’entità sionista di Palestina e non con quella italiana , quindi di cosa ci si lamenta?

 

Cosa si aspettava ?

 

Quella “bandiera” è la stessa issata sui carri armati e buldozer che stanno compiendo

 

La Distruzione dei Palestinesi in Palestina”

 

www.thule-toscana.com

 

L’olocausto è il nuovo OPPIO dei popoliultima modifica: 2009-03-30T20:51:00+00:00da erwinthule
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento